Brand: OPI
Prodotto: Scrub
Nome: Papaya Pineapple Scrub
Prezzo: 24 euro per 125 ml


Si sa: le mani sono il nostro biglietto da visita e sono anche una delle parti del nostro corpo più esposte agli agenti esterni e più in movimento, motivo valido per coccolarle qualche volta con dei "servizietti" da esperti del settore.








 CLICCA SULLE IMMAGINI PER VISUALIZZARLE
  NELLA LORO DIMENSIONE ORIGINALE 


Personalmente cambio lo smalto con una media di 2 volte a settimana e almeno 1 volta alla settimana mi concedo una manicure completa fai da me, con tanto di maschera idratante sotto il freddo e il gelo in inverno e scrub primavera \ estate, quando le mani (e i piedi ovviamente) tendono a seccarsi di più essendo esposte al cocente sole di ferragosto anche se siamo a maggio.
Ma passiamo al prodotto in oggetto...





INCI

Hydrogenated Canola Oil, Sucrose, Silica, PEG-12, Dimethicone, Parfum/Fragrance, Glyceril Dibehenate, Tribehenin, Phenoxyethanol, BHT, Persea Gratissima (Avocado) Oil, Carthamus Tinctorius (Safflower) Seed Oil, Carica Papaya (Papaya) Fruit Extract, Tocopheryl Acetate, Retynil Palmitate, Saccharum Officinarum, Citrus Medica Limonum (Lemon) Fruit Extract, Citrus Aurantium Dulcis (Orange) Fruit Extract, Camellia Sinensis Leaf Extract, Aqua, Benzyl Alcohol, Citral, Citronellol, Coumarin, Limonene, Hexyl Cinnamal, Butylphenyl Methylpropional, Linalool, Hydrixyisohexyl 3-Cyclohexene Carboxaldehyde, Polyster-3, CI45370 (Orange5), CI77491 (Iron Oxides).

Se vuoi approfondire l'INCI di questo prodotto consulta il Bio Dizionario


Il packaging del prodotto si presenta come un classico tubetto in plastica arancione (papaya appunto, ndr) "schiacciabile". Deo Gratias! Ho sempre odiato le creme mani \ corpo in quegli stupidi contenitori a barattolo che quando vai per chiuderli ti scivolano irrimediabilmente dalle mani spiaccicandosi contro tutto quello che è nell'arco di 5 metri di diametro con somma agonia del relax mentale appena raggiunto perchè dopo capelli\bagno\doccia\manicure\pedicure\silkepil ti tocca ripulire il bagno dalla tapparella.



Partecipando al 1° OPI Blog Contest su Facebook (clicca per sapere di cosa si tratta), l'azienda mi ha inviato uno smalto e questo scrub.
Come potete vedere, la scadenza ultima per la pubblicazione delle recensioni è il 22 maggio e io ho voluto ridurmi davvero all'ultimo testando questo scrub per più tempo possibile (esattamente 1 volta ogni 4 giorni, non ho la pelle sensibile).

Il contenuto è una densa cremina granulosa che di colore fa pendant col tubo, "formulata con cristalli naturali di zucchero per ridurre le callosità e bandire secchezza e ruvidità dell'epidermide, con estratti di papaya per agevolare l'esfoliazione e gli antiossidanti dell'ananas per lenire la pelle".
All'olfatto si sentono tutti gli estratti di frutta preannunciati nell'inci: dagli agrumi ai frutti tropicali.
L'effetto sulla pelle è molto piacevole: i granellini non si sciolgono presto come succede per altri scrub e non c'è nemmeno l'odioso effetto grattugia. E' una crema piacevole e profumata per essenza e consistenza... decisamente energizzante! :-)
Funziona? Si. L'ho usata su mani, piedi e gambe e nessuna delle 3 (o 6) parti del corpo ha subito "effetti collaterali". Non è un trattamento aggressivo e non lascia la pelle secca dopo il suo utilizzo.
Non voglio decantare nulla (per scrubbare basterebbero sale, zucchero, olio o miele e si risparmierebbe anche una cospicua sommetta), ma vi dico che l'effetto esfoliante, lenitivo ed idratante c'è. Ho voluto provarla anche sulla pelle post ceretta delle braccia e con enorme sollievo ha lenito e idratato la zona incriminata.




Nota bene: in caso abbiate una pelle molto secca e delicata ne sconsiglio comunque l'uso in solo 4 giorni di distanza... Lo scrub è pur sempre un trattamento aggressivo sull'epidermide.



Il prodotto è reperibile presso i rivenditori autorizzati OPI o presso il loro negozio online.


La votazione per questo prodotto è: 4/5
Per maggiori informazioni sui nostri standard per il Rating leggi le F.A.Q.!


Ho ricevuto questo prodotto gratuitamente partecipando al 1° OPI Blog Contest su Facebook.

5 commenti: